Message of Solidarity on Farmworkers’ General Strike (Italy – May 21, 2020

Greetings of solidarity to all, friends and fellow migrants! We, in Migrante Europe an alliance of Filipino migrants’ organization in Europe, strongly adhere to the call by the organized farm workers for unconditional regularization. We commend your militant initiative for this general strike and for bringing the voices of the “invisible” migrants, immigrants and displace people in the forefront of the up-coming regularization law in Italy.

Like other ”invisible” people, Filipino undocumented migrants and immigrants all over Europe, are strictly suffering from the havoc of this pandemic. In Italy alone, of which an estimated of 20,000 undocumented migrant workers are left without or minimal assistance from our own government. They were even left out of any assistance from the Cure Italy decree of the Italian government, of which only documented and regular workers can avail.

21 maggio – sciopero degli invisibili: parteggiate con noi

Cara consumatrice, caro consumatore, arriva un momento in cui bisogna parteggiare per difendere la comunità umana dalla pericolosa cultura della devalutazione della vita umana. Domani, 21 maggio, parteggiate con noi per i Diritti e la Giustizia sociale. #nonsonoinvisibile

Geplaatst door Aboubakar Soumahoro op Woensdag 20 mei 2020

We migrants and immigrants share the commonality on the root cause of migration. We recognize our right to migrate for a humane future, for us and our family and this is our fundamental rights. What we are experiencing now is beyond our rights. Migration now becomes a force choice for us to conserve our human dignity as a person. We flee and migrate for there is war of aggression in our country. We flee and migrate from having an environmentally torn country caused by multinational mining and exploitation. We flee and migrate from a despotic and tyrannical rule.

Like you, Filipinos are forced to leave and seek for a better future, but these choice is more driven by the systematic policies of our own government. Ever since, our government knew that it can profit not only from the raw materials that it exports but also from the remittance of Filipino migrants, it then brought into policy the continuous bargain of Filipino workforce abroad.

Labor export policy as we call it, have made Filipinos a mere product, a simple commodity on which to exchange and profit from. In 2019 alone, our government had profited an enormous 29 billion dollars from our remittances. More than 10 percent of the total 105 billion population of Filipinos are dispersed globally. Before the pandemic, 7,000 Filipinos leave our country everyday to work abroad. This situation is strengthen by the implementation of neo-liberal laws and policies dictated by imperialist countries to our own government, thus leading to local mass unemployment, inequity, social injustice and poverty. Yet, they neglect their duties on their service to the Filipino migrants.  

Care consumatrici, cari consumatori

Care consumatrici e consumatori, il vostro consumo consapevole ed indignato è una delle nostre speranze. Uniti possiamo porre fine a tutto questo. Il governo regolarizzi gli Esseri Umani per dovere di Stato, e non le braccia per Utilità.

Geplaatst door Aboubakar Soumahoro op Maandag 11 mei 2020

Thus, we join your call for the immediate unconditional regularization of undocumented migrants/immigrants and displaced people. The pandemic of Covid-19 must not be only a pretext for a humane treatment of all irregular and undocumented migrants. Human rights must be the base of any regularization. We could talk of a vaccine from the disease in six months to a year from now, but if the migrants remain irregular and without access to a proper health care, it is useless.

We share your sufferings and we unite with you in pursuing the rights of other “invisible” people that also taking part for the economic building and development of any host country.  We further call for decriminalization of irregular and undocumented workers and stop  the neoliberal policies dictated by the imperialist countries.  

“Regularization and full citizenship rights for all migrant workers, refugees and displaced peoples”

“Universal right to health and public health for all and not private profit!”

“Stop Criminalizing Migrants and Stop Deportation!”

“End Neoliberal Policies in Third World Countries! Stop Imperialist Domination!”

“LONG LIVE INTERNATIONAL SOLIDARITY!”

Marlon Lacsamana

Secretary-general

Migrante Europe

contact@migrante.eu

Messaggio di solidarietà sullo sciopero generale dei braccianti (Italia) – 21 maggio 2020

Un saluto di solidarietà a tutti, amici e compagni migranti! Noi di Migrante Europe, un’alleanza dell’organizzazione dei migranti filippini in Europa, aderiamo con forza all’appello dei braccianti per una regolarizzazione incondizionata. Elogiamo la vostra iniziativa militante per questo sciopero generale e per aver portato le voci dei migranti “invisibili”, degli immigrati e degli sfollati in prima linea nella prossima legge di regolarizzazione in Italia.

Come altre persone “invisibili”, i migranti filippini senza documenti e gli immigrati di tutta Europa soffrono rigorosamente del caos di questa pandemia. Solo in Italia, di cui si stima che circa 20.000 lavoratori immigrati senza documenti siano rimasti senza o con un’assistenza minima da parte del nostro Governo. Siamo addirittura esclusi dall’assistenza del decreto Cura Italia del Governo italiano, di cui possono usufruire solo i lavoratori regolari e documentati.

Noi migranti e immigrati condividiamo con voi la causa principale della migrazione. Riconosciamo il nostro diritto a migrare per un futuro umano, per noi e per la nostra famiglia e questo è il nostro diritto fondamentale. Quello che stiamo vivendo ora va oltre i nostri diritti. La migrazione diventa per noi una scelta di forza per conservare la nostra dignità umana come persona. Fuggiamo e migriamo perché nel nostro Paese c’è una guerra di aggressione. Fuggiamo e migriamo da un paese ambientalmente lacerato a causa dell’estrazione mineraria e dello sfruttamento multinazionale. Fuggiamo e migriamo da un Governo dispotico e tirannico.

Come voi, i filippini sono costretti ad andarsene e a cercare un futuro migliore, ma queste scelte sono maggiormente guidate dalle politiche sistematiche del nostro stesso Governo. Da allora, il nostro Governo sapeva di poter trarre profitto non solo dalle materie prime che esporta, ma anche dalle rimesse dei migranti filippini, ha poi portato in politica il continuo affare della forza lavoro filippina all’estero.

La politica di esportazione del lavoro ha fatto dei filippini un semplice prodotto, una semplice merce di scambio e di profitto. Solo nel 2019, il nostro Governo ha beneficiato di 29 miliardi di dollari americani delle nostre rimesse. Più del 10% dei 105 milioni della popolazione totale filippina è dispersa a livello globale. Prima della pandemia, 7.000 filippini lasciano ogni giorno il nostro Paese per lavorare all’estero. Questa situazione è rafforzata dall’applicazione di leggi e politiche neoliberali dettate dai paesi imperialisti al nostro Governo, portando così alla disoccupazione di massa locale, all’iniquità, all’ingiustizia sociale e alla povertà. Eppure, essi trascurano i loro doveri al servizio dei migranti filippini.

Quindi ci uniamo alla vostra richiesta di una regolarizzazione immediata e incondizionata dei migranti/ immigrati senza documenti e degli sfollati. La pandemia di Covid-19 non deve essere solo un pretesto per un trattamento umano di tutti i migranti irregolari e senza documenti. I diritti umani devono essere alla base di ogni regolarizzazione. Potremmo parlare di un vaccino contro la malattia tra sei mesi e un anno, ma se i migranti rimangono irregolari e non hanno accesso a un’assistenza sanitaria adeguata, è inutile.

Condividiamo le vostre sofferenze e ci uniamo a voi nel perseguire i diritti di altre persone “invisibili” che partecipano anche per la costruzione e lo sviluppo economico di qualsiasi paese ospitante. Chiediamo inoltre la depenalizzazione dei lavoratori irregolari e senza permesso di soggiorno e la cessazione delle politiche neoliberali dettate dai Paesi imperialisti.

“Regolarizzazione e pieni diritti di cittadinanza per tutti i lavoratori migranti, rifugiati e sfollati”

“Diritto universale alla salute e alla sanità pubblica per tutti e non al profitto privato!”

“Stop alla criminalizzazione dei migranti e stop all’espulsione!”

“Porre fine alle politiche neoliberali nei Paesi del Terzo Mondo! Stop alla dominazione imperialista!”

“LUNGA VITA ALLA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE!”

The post Message of Solidarity on Farmworkers’ General Strike (Italy – May 21, 2020 appeared first on Migrante Europe.

Facebook Comments